Presentazione

AIBC si impegna tutti i giorni cercando di arginare e risolvere  le problematiche che insorgono con i maltrattamenti, con l’abbandono e con la violazione dei diritti che dovrebbero essere riconosciuti ad ogni minore  attraverso  il ruolo chiave dell’accoglienza. Tutto il lavoro svolto dalla cooperativa si basa su alcuni assunti fondamentali che la guidano in ogni progetto. Seguendo tali imprescindibili  linee di pensiero l’accoglienza per AIBC è:

Familiare

Spesso la soluzione a cui si ricorre in caso di abbandono è quella del ricovero in istituto, dove i bambini possano ricevere le cure necessarie per sopravvivere. AIBC crede fermamente nel potere che ha il sentirsi parte di una famiglia, sia essa anche temporanea, e di crescere in un contesto di amore e cura ,così da garantire ai bambini in condizione di precarietà familiare un  presente ed un futuro più sereno. Proprio per questo, con l’obiettivo di trovare una soluzione diversa rispetto a quella del ricovero in istituto, la cooperativa si dedica non solo alle pratiche di affido, ma anche alla creazione e al supporto di diverse case famiglia sparse in tutta l’area nazionale.

Protetta

In certe situazioni  la casa famiglia e l’affido non sono considerate le soluzioni più adatte. Proprio in questi casi entrano in gioco altri due progetti importanti di AIBC: Le comunità educative e le case mamma-bambino. In entrambi i casi il principio guida è quello della protezione, sia che si tratti di adolescenti in fase di crescita che cercano il loro posto nella società, sia che si tratti di mamme che cercano di essere genitori ma che per diversi motivi hanno bisogno di supporto e assistenza pratica ed emotiva. Alla base di questi progetti c’è la profonda convinzione che tutti abbiamo il diritto di vivere e trovare il proprio posto nel mondo in un ambiente protetto, tutelato ed amichevole.

Consapevole

Le famiglie che decidono di intraprendere la strada dell’affido o di creare una casa famiglia svolgono un ruolo fondamentale nella crescita dei bambini abbandonati. Per questo agli occhi della cooperativa è prioritario informare e assistere le famiglie che accoglieranno i bambini, con l’obiettivo di tutelare non solo i  minori ma anche le famiglie stesse.

Bilancio Sociale 2016